1. Home
  2. Stradario di Pegli
  3. Odonomastica pegliese

Odonomastica pegliese

stradario pegliese

Se l’area di studio della toponomastica fa riferimento genericamente ai nomi dei luoghi, l’odonomastica si concentra specificamente su strade, piazze, ecc…

Il Vocabolario Treccani così riporta:

♦ “… toponomàstica s. f. [comp. di topo- e onomastica]. – 1. Studio fondamentalmente linguistico dei toponimi o nomi di luogo, sotto l’aspetto dell’origine, della formazione, della distribuzione, del significato, ecc.: ricerche di t.; dizionario di t. (o toponomastico, o di toponimi). 2. Complesso dei toponimi di una lingua, di un dialetto, o di un’area geografica fisicamente o amministrativamente delimitata: la t. italiana, toscana; l’elemento greco nella t. della Sicilia; la t. bilingue dell’Alto Adige; la fissazione ufficiale della toponomastica.” …” (https://www.treccani.it/vocabolario/toponomastica/)

♦ “… odonomàstica s. f. [comp. di odo- e onomastica (formato sul modello di toponomastica)]. – 1. Il complesso dei nomi delle strade, sia con riferimento concreto a una determinata zona o località, sia con riguardo alla scelta o al modo della loro formazione. 2. Ramo dell’urbanistica (o anche, più raram., della linguistica) che ha per oggetto lo studio di tali nomi. …” (https://www.treccani.it/vocabolario/odonomastica/)

Progressivamente verrà analizzata l’odonomastica pegliese individuando i singoli odonimi e, se possibile, indicando l’origine ed eventuali punti d’interesse.

Il Comune di Genova, in seguito al cambiamento delle regole nazionali sui nomi di vie e piazze, adeguando le denominazioni, così specificava le norme:

“… ogni area di circolazione deve poi essere distinta in modo preciso dal toponimo stradale, costituito:
♦ dalla specie (DUG, Denominazione Urbanistica Generica), che identifica la tipologia di area di circolazione (via, piazza, lungomare, salita);
♦ dalla denominazione ufficiale, che può comprendere l’eventuale complemento alla DUG (preposizioni non strettamente legate alla denominazione del toponimo come dei, di, delle, la, il, etc. – ad es. VIA DELLE ERICHE) e l’eventuale complemento alla denominazione (esempio i titoli onorifici per i nomi propri – ad es. VIA GENERALE CARLO ALBERTO DALLA CHIESA). …” (http://www.comune.genova.it/content/cambiano-le-regole-nazionali-sui-nomi-di-vie-e-piazze-il-comune-adegua-le-denominazioni)

Citazioni:
trascrizioni nel rispettodell’art. 70 della legge sulla protezione del diritto d’autore.
(Legge 22 aprile 1941, n. 633)