GheRa progettazione realizzazione gestione siti web

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 


villa Doria
sottolineatura

La villa viene edificata per ordine di Adamo Centurione.

La proprietà passa successivamente alla figlia Ginetta Centurione e quindi al di Lei figlio Giovanni Andrea che amplia la villa su progetto di Andrea Cerasolo detto il "Vannone".

In prossimità dell'edificio principale viene edificata una torre a base quadrata. Probabilmente la struttura serve per scopi difensivi.

Nel 1591 il Principe Giovanni Andrea Doria decide di far erigere una chiesa con monastero dedicata a Santa Maria delle Grazie.

Ultimata la chiesa, viene ceduta ai "Trinitari per la liberazione degli schiavi", congregazione spagnola. Nel 1596, il monastero passa agli "Agostiniani della Consolazione".

All'Ordinariato Diocesano viene assegnata nel 1939 e negli anni successivi l'edificio subisce notevoli cambiamenti sia interni che strutturali.

La chiesa viene oggi ricordata semplicemente come "Cappelletta Doria". fine


argomenti correlati:

link interno foto di Villa Doria


villa Pallavicini
sottolineatura

---

Per quanto riguarda la sezione dedicata a Villa Durazzo Pallavicini, si consiglia vivamente la visita al sito www.villapallavicini.info, più ricco di informazioni e fotografie.

link esterno www.villapallavicini.info

---

L'attuale villa sorge nel luogo in cui già si trovava il palazzo di villeggiatura del Doge Gio Battista Grimaldi.

Clelia Durazzo, capace botanica di fama europea e moglie di Giuseppe Grimaldi, volle realizzare (settembre 1846) e successivamente ampliare un giardino botanico.

La costruzione del parco fu voluta dal Marchese Ignazio Alessandro Pallavicini, nipote di Clelia Durazzo. La realizzazione del parco si inserisce in un periodo di notevoli trasformazioni urbane per Pegli, come la costruzione della stazione ferroviaria (con fermata obbligatoria di tutti i treni per 100 anni) e dell'Hotel Michel.

La costruzione del parco e la ristrutturazione del palazzo iniziarono nel 1840 ed il progetto fu realizzato dall'Architetto Michele Canzio.

L'inaugurazione avvenne nel 1846 durante VIII° Congresso degli Scienziati Italiani; su invito del Marchese, un gruppo di studiosi botanici partecipò all'inaugurazione rimanendone notevolmente colpiti.

Negli anni successivi si susseguirono vari miglioramneti non solo per la villa ma anche per la città come la già citata realizzazione della stazione e dell'Hotel Michel.

Nel 1928, per volontà della Principessa Matilde Giustiniani, la villa e tutto il parco furono donati al Comune di Genova. Il Municipio si impegnò a mantenere il parco ad uso pubblico ed il palazzo ad uso culturale.

Il parco non fu mai aperto nella sua interezza, in occasione dei lavori autostradali fu addirittura chiuso (1963 e 1972).

Il parco di villa Pallavicini non è un semplice insieme di prati variamente arredati e aree boscose, in realtà deve essere interpretato nella sua interezza. Rappresenta un'opera teatrale, un susseguirsi di scene architettoniche e botaniche particolarmente studiate. L'Architetto Canzio, scenografo del Teatro Carlo Felice dal 1828 al 1854, strutturò il parco come un'opera teatrale composta da un prologo e tre atti di quattro scene ciascuno.


Descrizione del 1865 ...

il palazzo Il cancello principale è posto tra due piccoli edifici quadrati nelle immediate vicinanze della stazione ferroviaria. Il viale principale, ornato con due file di elci, mediante un cavalcavia supera con leggera pendenza la via ferrata accompagnando il visitatore fino al Palazzo.

Il percorso inzia lungo il viale gotico, un sentierino secondario conduce alla coffée-house.

il coffèe house Il coffée-house è un edificio quadrilatero con un terrazzino ornato con otto colonne di stucco (finto marmo) e ringhierine di ghisa.

Al piano del terrazzino è visibile un'iscrizione dedicata alla Regina di Sardegna e al Principe di Carignano (1846). Sono da notare pregevoli bassirilievi del Cevasco raffiguranti la primavera e l'autunno. Sono anche presenti quattro statue di Carlo Rubatto raffiguranti: Leda, Pomona, Ebe e Flora. L'interno e affrescato con figure femminili in stile pompeiano arredato con quattro vasi in stile etrusco.

Attraversando l'arco realizzato nel coffée-house, si accede al viale classico, affiancato da vasi di agrumi, che conduce all'arco di trionfo.

l'arco di trionfo La facciata dell'arco di trionfo presenta quattro colonne, due statue allegoriche (l'abbondanza e la letizia), vari bassorilievi e quattro geni che spargono fiori sui passanti. Sulla cima due ninfe sorreggono lo stemma della famiglia Pallavicini. Una scritta sul frontone, invita il visitatore ad abbandonare le grandezze terrene per aspirare alle semplici e quiete gioie della campagna.

Superato l'arco, questo subisce una notevole trasformazione stilistica e il visitatore si trova in una zona campestre caratterizzata da una casetta rustica. Nella zona vi è anche un ruscello superabile con un ponticello di legno.

Si giunge quindi nella zona delle giostre, quest'area originariamente era coltivata con vigneti e olivi successivamente sostituiti con boschetti di pini ed alcuni sugheri. Entrambe le giostre sono manovrabili esclusivamente manualmente.

Lasciando le giostre il visitatore si addentra nel viale delle camelie e finalmente arriva in riva ad un piccolo lago. L'afflusso dell'acqua è garantito da una cascatella. Sulla riva si può notare una magnifica magnolia. La parte più stretta del lago è attraversabile mediante un ponticello che porta il visitatore ad un sentiero che conduce ad una capanna posta sul ciglio di un piccolo burrone.

Allontanandosi da questa zona, lo "spettatore" giunge in prossimità di una cappella gotica dedicata alla Madonna. Sullo sfondo noterà un finto castello diroccato da qualche guerra medioevale frutto dell'immaginazione. la cappella gotica il castello

















Dopo aver superato un capanno svizzero, si arriva al castello trecentesco. L'edificio di forma quadrata presenta una torre centrale cilindrica fittamente coronata di merli. Il castello non è solo una facciata ma contiene splendidi arredi e affreschi interni.

Non lontano dal castello vi è il mausoleo gotico, ricco di fregi e bassorilievi, che ospita i resti del capitano del castello. il mausoleo gotico il tempio di Diana

















Passando davanti ad una grotta artificiale, il visitatore giunge infine al lago grande. Al centro dello specchio acqueo sorge il tempio greco sorretto da otto colonne e contenente una statua di Diana. L'isolotto è adornato da quattro tritoni. In prossimità del lago sono anche presenti: il chiosco turco, un obelisco egizio, la pagoda cinese, il tempio di Flora ed il giardino segreto realizzato come una serra in vetro e ghisa.

Non lontano dal lago vi è il monumento a Chiabrera posto in riva ad un laghetto e circondato dai cipressi.

Nel parco sono anche presenti: un busto di Michele Canzio, la raffigurazione allegorica della lotta tra l'aquila ed il coccodrillo, i giochi d'acqua ed il giardino botanico.

Nel palazzo è ospitato il museo archeologico ligure. fine


argomenti correlati:

link interno prima del 1900
link interno foto di Villa Pallavicini


villa Rostan
sottolineatura

il palazzo Nel 1346 Ansaldo Lomellini compra un terreno a Pegli, nella zona di Multedo, ed ordina l'edificazione di una villa.

Agostino Lomellini, doge della Repubblica nel biennio 1760 - 1762, lasciata la carriera politica si ritira in questa villa. Affida all'architetto paesaggista Andrea Tagliafichi la progettazione del parco che diverrà successivamente ispirazione per i parchi delle ville della zona.

lo stemma La proprietà viene poi ceduta ai Rostan e sotto di essi si ha la scomparsa del magnifico parco.

Nel 1516 i "Carmelitani" ottengono il permesso di erigere una chiesa con convento che viene terminata grazie ai finanziamenti dei Lomellini. Negli anni a seguire i "Disciplinati" si trasferiscono dalla villa all'antica Parrocchia dei Santi Nazario e Celso, dopo averla demolita e riedificata. Nel 1812 il clero secolare subentra ai Carmelitani sul Monte Oliveto. fine


argomenti correlati:

link interno foto di Villa Rostan (Lomellini)


Fonti bibliografiche e fotografiche
sottolineatura

"PEGLI" di Guglielmo Salvi
Edizione del Lions Club di Pegli

(notizie)

"la VILLA PALLAVICINI di Pegli" di A. Pollano
Tipografia Fratelli Pagano

(notizie e vignette)

"cartoline di Pegli"
collezione privata
(cartoline varie)

"foto di Pegli"
collezione privata
(foto varie)

ricerche non riconducibili a documenti certi
(notizie) fine


Legge 22 aprile 1941, n. 633 art. 70
sottolineatura

Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera, per scopi di critica, di discussione ed anche di insegnamento, sono liberi nei limiti giustificati da tali finalità e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera.

Nelle antologie ad uso scolastico la riproduzione non può superare la misura determinata dal regolamento il quale fisserà le modalità per la determinazione dell'equo compenso. Il riassunto, la citazione o la riproduzione debbono essere sempre accompagnati dalla menzione del titolo dell'opera, dei nomi dell'autore, dell'editore e, se si tratta di traduzione, del traduttore, qualora tali indicazioni figurino sull'opera riprodotta.

Se, nella realizzazione di questo sito, si fosse verificata qualche violazione di copyright, sarebbe stata sicuramente involontaria, in tale caso si provvederà ad una celere cancellazione del materiale in questione non appena verrà notificato l'inconveniente. fine

 
 


save the date


settembre
aggiornamento
save the date
[pdf] ...

 
 


cerca nel sito e nel web con google
primo piano
cartoline elettroniche
due minuti e mezzo
lettere e documenti

 
 


ilcaffaro.com
villapallavicini.info
Museo Virtuale Nino Besta
comitatodifesapegli.org
finallserramenti.com
archivio toponomastica ligure

 
 


G.S. Pegliese

 
 


from genova
to genoa
from Genova to Genoa
United States
Mexico
Guatemala
Colombia
Ecuador
Espana
Australia

 
 


where are you from? ... vuoi lasciare un segno del tuo passaggio? where are you from?
Samoa Americane
Macedonia
Corea del Sud
Estonia
El Salvador
Filippine
Niue

 
 


piccolo logo www.pegli.com

p.i. 03851470108

 
 


GheRa progettazione realizzazione gestione siti web

 

 


Valid HTML 4.01!

Valid CSS!