GheRa progettazione realizzazione gestione siti web

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 


Santa Rosalia
350 anni dalla peste sottolineatura

votum peste saeviente MDCLVII (1657) Le ragioni del culto di Santa Rosalia a Pegli sono rintracciabili nell'omonimo altare laterale della chiesa di S. Martino.

La scritta sovrastante l'altare "VOTUM PESTE SAEVIENTE MDCLVII" ricorda il voto fatto dai pegliesi durante la peste del 1657.


altare Santa Rosalia - Chiesa di San Martino Il 24 settembre 1673 la riconoscenza degli abitanti di Pegli si concretizzò con l'elezione di Santa Rosalia a propria patrona.

La tradizione indica la Santa di nobili origini. Visse in gioventù alla corte normanna ma agli agi della nobiltà e di un adeguato matrimonio preferì la vita eremitica.

Trascorse il resto dei suoi anni in isolate grotte pregando in solitudine.

altare Santa Rosalia - Chiesa dell'Immacolata Trovò sul Monte Pellegrino l'ultima sua dimora dove si spense il 4 settembre 1160.

Le prime testimonianze della venerazione sembrano risalire già al 1196. Seguirono eventi miracolosi spesso legati ad epidemie e pestilenze.

Il ritrovamento dei resti mortali della Santa risalgono al 15 luglio 1624. Il luogo a lungo ed in vano cercato venne miracolosamente indicato dalla stessa Santa.

I resti furono portati a Palermo ma riconosciuti come Sue spoglie solo nel febbraio del 1625. La successiva processione delle reliquie per le vie della città portò all'arresto dell'epidemia di peste che stava affliggendo la popolazione.

altare maggiore, Santa Rosalia - Chiesa dell'Immacolata Se il culto di Santa Rosalia a Palermo ed in Sicilia è evidentemente generato dalla diretta testimonianza in loco degli eventi miracolosi, è lecito pensare che a Pegli sia giunto grazie ai racconti dei marinai e dei mercanti.

E' superfluo ricordare i legami storici, politici e commerciali di Genova con la Sicilia e quindi la presenza dei genovesi a Palermo. Probabilmente alcuni genovesi e/o pegliesi furono testimoni diretti degli accadimenti e dei miracoli. Lo stesso Vescovo di Palermo Cardinale Giannettino Doria (1573-1642) era figlio di Giovanni Andrea Doria proprietario della Villa in Pegli ed erede del grande Ammiraglio Andrea Doria.

E' lecito pensare che l'epidemia di peste che funestava il genovesato riportasse alla mente dei pegliesi quanto raccontato dai propri naviganti spingendo la popolazione ad invocare la protezione di Santa Rosalia.

In segno di riconoscenza, i pegliesi La vollero patrona del paese. Non poche opere poste nelle chiese ricordano ancora oggi il forte legame che unisce Pegli a Santa Rosalia. fine

Ghe.Ra.


argomenti correlati
sottolineatura

Santa Rosalia, 120 anni dal terremoto Santa Rosalia, 120 anni dal terremoto


fonti
sottolineatura

"Santa Rosalia, una devozione venuta dal mare"
Giovanni Ferrero

"Giornata Storica Pegliese 2001"

"appunti e materiale su Pegli"
collezione privata

 
 


save the date


novembre
aggiornamento
save the date
[pdf] ...

 
 


cerca nel sito e nel web con google
primo piano
cartoline elettroniche
due minuti e mezzo
lettere e documenti

 
 


ilcaffaro.com
villapallavicini.info
Museo Virtuale Nino Besta
comitatodifesapegli.org
finallserramenti.com
archivio toponomastica ligure

 
 


G.S. Pegliese

 
 


from genova
to genoa
from Genova to Genoa
United States
Mexico
Guatemala
Colombia
Ecuador
Espana
Australia

 
 


where are you from? ... vuoi lasciare un segno del tuo passaggio? where are you from?
Samoa Americane
Macedonia
Corea del Sud
Estonia
El Salvador
Filippine
Niue

 
 


piccolo logo www.pegli.com

p.i. 03851470108

 
 


GheRa progettazione realizzazione gestione siti web

 

 


Valid HTML 4.01!

Valid CSS!